Analisi dei fabbisogni formativi delle imprese nei processi di Internazionalizzazione: indagine sulle imprese marchigiane

23/06/2015

Conferenza stampa OBR Marche

  • Data 23 giugno 2015
  • Location Confindustria Marche
  • Organizzazione Education

Che cosa significa internazionalizzare per le imprese del tessuto imprenditoriale marchigiano? Quali sono i processi che l’azienda deve obbligatoriamente affrontare se vuole essere competitiva nei mercati esteri? A queste e a molte altre domande ha tentato di rispondere una ricerca condotta dall’Università Politecnica delle Marche su richiesta dell’Organismo Bilaterale Regionale delle Marche.

Attraverso metodologie qualitative – quali interviste e focus group con imprese e stakeholders – è stato studiato lo “stato dell’arte” delle metodologie di approccio all’internazionalizzazione, analizzando poi le loro criticità ed aree di miglioramento. “Nell'attuale situazione economica”, ha dichiarato il prof. Gian Luca Gregori, Preside della Facoltà di Economia e Pro Rettore dell’UNIVPM, “acquisisce un ruolo strategico essere presenti nei mercati internazionali, non solo come strategia difensiva a fronte dei ridotti consumi domestici, ma soprattutto come strategia complessiva di impresa. Si riscontrano, peraltro, differenti problematiche: un numero ridotto di aziende sui mercati internazionali, nonostante le potenzialità di prodotto, ed una presenza talvolta qualitativamente limitata. Le indagini che sono state realizzate a livello regionale hanno così permesso di individuare differenti percorsi formativi, non sulla base della dimensione d'impresa o dei settori di appartenenza, ma sul ‘modello di business’ e quindi su cluster differenti”

Le imprese, infatti, sono state suddivise in 4 cluster: quelle potenzialmente internazionalizzate ma non ancora presenti sui mercati; quelle presenti in modo sporadico; quelle presenti in modo continuativo ma con strategie poco performanti ed infine quelle presenti in modo continuativo. Ogni cluster ha delle aree di miglioramento, a partire dal non banale limite delle risorse per affrontare i mercati esteri, passando per le difficoltà generate dalle differenti culture dei Paesi-mercato, dalla non conoscenza della lingua o dalla mancata consapevolezza dei servizi di supporto all’estero già presenti.

“Per ciascuno dei 4 cluster abbiamo cercato di analizzare le criticità emerse, delineando dei veri e propri percorsi formativi da approfondire tramite l’utilizzo dello strumento Fondimpresa” ha commentato il Presidente dell’Organismo Bilaterale Regione Marche, Luciano Vizioli; “grazie a questo prezioso strumento nella regione Marche migliaia di aziende hanno già fatto formazione e si sono viste rimborsate le attività svolte”.

“Ulteriore pregio della ricerca svolta dall’UNIVPM”, ha aggiunto il Vice Presidente dell’Organismo Bilaterale Regione Marche, Renzo Perticaroli, “è quello di aver raggruppato le imprese oltre che per cluster anche per settori merceologici differenti, basandosi su quelli che, in termini di export, hanno una maggiore potenzialità e cioè la moda, il legno e arredo, il tessile abbigliamento, l’agroalimentare e la metalmeccanica. Aggiornare le competenze dei lavoratori per affrontare al meglio i mercati esteri è indispensabile per continuare a garantire a questo territorio la prosperità ed il benessere che lo hanno sempre contraddistinto nel panorama nazionale”.

“Il mio auspicio”, ha concluso il Presidente Luciano Vizioli, “è che grazie a questo studio si possa contribuire allo sviluppo delle imprese locali, che, attraverso la formazione mirata su quei gap analizzati dal rapporto curato dall’UNIVPM, potranno affrontare con più sicurezza i mercati esteri”.

L’Organismo Bilaterale Regione Marche, composto da Confindustria, CGIL, CISL e UIL, è l’Articolazione Territoriale di Fondimpresa, il maggiore fondo interprofessionale per la formazione continua in Italia.

Nella regione Marche Fondimpresa ha 4.900 imprese aderenti che rappresentano circa 120.000 lavoratori ed ha erogato oltre 40 milioni di euro per lo sviluppo delle competenze delle imprese e lavoratori del territorio regionale.

 

Documenti

  • Emergenza Coronavirus
  •  

Segui i nostri feed RSS:

Contatti

Confindustria Marche

Via R. Bianchi snc - 60131 ANCONA
Tel 071.2855111 Fax 071.29048268 
Codice fiscale 80002450429
info@confindustria.marche.it
posta certificata

 

© Copyright 2020 Confindustria Marche - Credits - Privacy - Cookie policy