I nostri soci, le confindustrie di:
Confindustria Centro Adriatico / Confindustria Macerata / Confindustria Marche Nord

+13,2% la crescita delle esportazioni delle Marche nel primo trimestre 2013

12/06/2013


L’incremento delle esportazioni registrato dalle Marche (+13,2%), nei primi tre mesi del 2013, è risultato in controtendenza rispetto alla media nazionale (-0,7%) e decisamente superiore rispetto a quello della ripartizione dell’Italia Centrale (+2,2%).
Va rilevato tuttavia che il risultato regionale risente in maniera considerevole dell’incremento registrato dal comparto della chimica farmaceutica (+139,8%) attribuibile ad operazioni infragruppo. Al netto di questa variazione, la crescita delle esportazioni regionali risulterebbe pari a circa il 3% rispetto al primo trimestre dell’anno precedente.

L’incremento delle esportazioni della regione ha riguardato sia mercati dell’Unione Europea (+13,4%) sia i mercati extra UE27 (+12,9%).
Anche in questo caso al netto della crescita del comparto della chimica, l’andamento dell’export regionale sui mercati della UE27 risulterebbe in contrazione del 3,1%.
Rispetto allo stesso periodo del 2012 il peso dell’export della regione sul totale nazionale è aumentato passando dal 2,6% al 3%.

A livello provinciale, solo Ascoli Piceno (+60,3%) ha registrato una variazione superiore alla media regionale (influenzata anch’essa dalla performance del settore farmaceutico), mentre positivi ma inferiori alla media sono apparsi i risultati di Pesaro Urbino (+8,9%), Macerata (+4,5%) e Fermo (+3,5%). Negativo invece il risultato di Ancona (-0,8%) attribuibile alla flessione registrata dai principali comparti della meccanica.

A livello settoriale, oltre agli articoli farmaceutici, in crescita sono risultate le esportazioni di articoli d’abbigliamento (+9,8%), articoli in pelle e calzature (+6,6 %), prodotti alimentari (+11%), macchinari ed apparecchi (+3,5%), apparecchi elettrici (+3,3%), computer, apparecchi elettronici e ottici (+4,7%), articoli in gomma e materie plastiche (+4,1%).

In flessione sono risultate le esportazioni di metalli e prodotti in metallo (-0,3%), mobili (-7,7%), prodotti tessili (-12,6%), sostanze e prodotti chimici (-2,8%) e carta e prodotti di carta (-4,1%).

“La crescita delle esportazioni della nostra regione, evidenziata dai dati pubblicati ieri dall’Istat - afferma il Presidente di Confindustria Marche Nando Ottavi – rappresenta un segnale positivo per la ripresa del sistema produttivo regionale, anche se la situazione rimane ancora molto critica. Anche a livello nazionale Confindustria ha richiesto misure urgenti anticongiunturali che pongano al centro l’impresa ed il manifatturiero; misure in grado di favorire l’accesso al credito, ridurre il cuneo fiscale, far ripartire la domanda interna per uscire dall’attuale recessione.

Il tema del potenziale di crescita delle imprese associato ad un aumento del grado di internazionalizzazione del sistema produttivo si ripropone, oggi, come centrale per le prospettive di tenuta e di ripresa della nostra economia. Occorre quindi impegnarsi sempre di più per aumentare la presenza delle nostre imprese sui mercati più dinamici. E’ questo l’obiettivo che Confindustria Marche sta perseguendo da tempo anche con la collaborazione dell’ente regione.”
 

  •  

Segui i nostri feed RSS:

Contatti

Confindustria Marche

Via Filonzi, 11 - 60131 ANCONA
Tel 071.2855111 Fax 071.2855120
Codice fiscale 80002450429
info@confindustria.marche.it
posta certificata

 

© Copyright 2019 Confindustria Marche - Credits - Privacy - Cookie policy