I nostri soci, le confindustrie di:
Confindustria Centro Adriatico / Confindustria Macerata / Confindustria Marche Nord

Indagine congiunturale IV trimestre 2011

09/02/2012
Il Presidente di Confindustria Marche Paolo Andreani commenta i dati congiunturali relativi al quarto trimestre 2011 elaborati dal Centro Studi sulla base dell’indagine realizzata in collaborazione con Banca Marche.
 
“Purtroppo, quanto ipotizzato è divenuta certezza: dalla nostra indagine emerge una forte battuta d’arresto per l'industria manifatturiera marchigiana nel quarto trimestre 2011, con attività produttiva e commerciale in netto calo. Gli imprenditori nostri associati ci rappresentano da tempo preoccupazioni per il calo della domanda e per le difficoltà di accesso al credito, che rischiano di peggiorare ulteriormente il quadro di riferimento e le prospettive”.
 
Secondo i risultati dell'Indagine Trimestrale condotta dal Centro Studi di Confindustria Marche, in collaborazione con il gruppo Banca Marche, nel trimestre ottobre-dicembre 2011 la produzione industriale ha registrato una flessione del 4,0% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (-4,3% in Italia nel bimestre ottobre-novembre), con variazioni negative che hanno interessato quasi tutti i settori dell’economia regionale, ad eccezione della Gomma e Plastica.
 
Le dichiarazioni degli operatori intervistati confermano l’evidente attenuazione della fase di ripresa che ha caratterizzato il primo semestre 2011. Scende sensibilmente, infatti, la quota di aziende interessate da miglioramenti dell'attività (34% contro 47% della rilevazione del terzo trimestre 2011), mentre aumenta - nel quarto trimestre 2011 - la frazione di operatori con livelli produttivi in calo (49% rispetto al 38% del terzo trimestre 2011).
 
Sensibile flessione nel quarto trimestre 2011 dell'attività commerciale complessiva: l’andamento delle vendite in termini reali ha registrato una contrazione del 3,1% rispetto allo stesso trimestre del 2010, con andamenti negativi sia sul mercato interno sia sul mercato estero.
 
Le vendite sul mercato interno hanno registrato un calo del 4,2%, con variazioni negative per tutti i settori, ad eccezione della Gomma e Plastica. Le vendite sull'estero hanno mostrato un calo dell’1,4% in termini reali, con variazioni negative per tutti i settori tranne le Calzature e la Gomma e Plastica.
 
Le incertezze che caratterizzano l’attuale fase congiunturale si associano a una dinamica dei prezzi abbastanza sostenuta, con incrementi dell’1,9% sull’interno e del 2,0% sull’estero. I costi di acquisto delle materie prime sono risultati in aumento evidente, sia sull’interno (1,5%), sia soprattutto sull’estero (2,6%).
 
Nella media del trimestre ottobre-dicembre 2011, i livelli occupazionali hanno registrato un calo dello 0,9%.
Nello stesso periodo le ore di cassa integrazione sono diminuite del 17% passando da 7,4 milioni circa del 2010 a 6,2 milioni del 2011. In diminuzione sono risultati sia gli interventi ordinari (-16,3%), passati da 1,3 milioni di ore del quarto trimestre 2010 a 1,1 milioni di ore del quarto trimestre 2011, sia gli interventi straordinari, passati da 2,6 milioni di ore del quarto trimestre 2010 a 2,3 milioni di ore del quarto trimestre 2011 (-12,3%), sia quelli in deroga, passati da 3,5 milioni di ore del quarto trimestre 2010 a 2,8 milioni di ore circa del quarto trimestre 2011 (-20,9%).
 
Le previsioni degli operatori riguardo alla tendenza delle vendite per i prossimi mesi sembrano orientate ad un progressivo peggioramento del quadro congiunturale, sia sul mercato interno, sia sul mercato estero.
 
“Il dato relativo al quarto trimestre 2011 – che risente ancora dell’intenso processo di ristrutturazione dell’industria marchigiana – conferma le aspettative di rallentamento indotte dal maggiore clima di incertezza degli ultimi mesi – afferma il Presidente di Confindustria Marche Paolo Andreani. Nonostante i positivi risultati finanziari derivanti delle recenti azioni di politica economica, restano ancora negative le attese di una pronta ripresa della domanda, sia per le condizioni difficili della liquidità e del credito, sia per le previsioni pessimistiche sul PIL e sull’occupazione nel 2012. Purtroppo la domanda interna resta critica per cui vanno intensificati gli sforzi di recupero sui mercati esteri. Fondamentale è inoltre ridare liquidità al sistema, che rischia altrimenti di collassare, con effetti di ricaduta negativa a catena. Il rallentamento della produzione e delle vendite di questi giorni per il maltempo, rendono ancora più fragile la situazione. Più in generale le diverse situazioni di difficoltà che si cumulano, rendono ancora più urgente la necessaria azione di supporto delle Istituzioni e del mondo bancario.”
 
  •  

Segui i nostri feed RSS:

Contatti

Confindustria Marche

Via Filonzi, 11 - 60131 ANCONA
Tel 071.2855111 Fax 071.2855120
Codice fiscale 80002450429
info@confindustria.marche.it
posta certificata

 

© Copyright 2019 Confindustria Marche - Credits - Privacy - Cookie policy