I nostri soci, le confindustrie di:
Confindustria Centro Adriatico / Confindustria Macerata / Confindustria Marche Nord

Le esportazioni delle Marche nel primo semestre 2012

12/09/2012

Nei primi sei mesi del 2012 le esportazioni italiane sono cresciute del 4,2% con una dinamica tendenziale positiva per tutte le ripartizioni, anche se in progressiva decelerazione rispetto agli andamenti registrati nel primo trimestre.
Tra le regioni che presentano una crescita delle vendite sui mercati esteri superiore alla media nazionale si segnalano Puglia (+11,3%), Sardegna (+9,3%), Umbria (+8,5%) e Marche (+6,4%).

L’incremento delle esportazioni registrato dalle Marche nel corso del primo semestre 2012, è risultato superiore alla media nazionale (4,2%) ma meno brillante di quello della ripartizione dell’Italia Centrale (+7,3%).
E’ cresciuto di un decimo di punto, rispetto al primo semestre 2011, il peso dell’export della regione sul totale nazionale (2,6%).
A livello provinciale, Fermo (+10,8%), Ascoli Piceno (+7,7%) e Pesaro Urbino (+6,8%) hanno registrato una variazione superiore alla media regionale mentre inferiori alla media sono apparsi i risultati di Ancona (+5,0%) e Macerata (+4,6%).
A livello settoriale, sono stati registrati andamenti positivi e superiori alla media regionale negli articoli in pelle e calzature (+7,5%), nei mobili (+7,7%), nel legno e prodotti in legno (+19,1%), negli articoli farmaceutici (+17%), nella carta e prodotti in carta (+7,6%), nei macchinari ed apparecchi (+15%), negli articoli d’abbigliamento (+8,6%), nei prodotti tessili (+13,3%), nei prodotti alimentari (+15,7%), negli autoveicoli (+8,6%).
Aumenti anche per metalli di base e prodotti in metallo (+3%), computer, apparecchi elettronici e ottici (+2,4%), sostanze e prodotti chimici (+3,2%) e articoli in gomma e materie plastiche (+0,9%).
In flessione sono risultate le esportazioni di apparecchi elettrici (-3,9%), prodotti petroliferi (-16,9%), prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (-0,5%) e altri mezzi di trasporto (-5,9%).

L’incremento delle esportazioni della regione ha riguardato soprattutto i mercati extra UE27 (+12,2%) mentre i mercati dell’Unione Europea hanno registrato un aumento del 2,8%.
Nella graduatoria dei primi 20 paesi di destinazione troviamo al primo posto la Francia (+3,2%), seguita dalla Germania (+10,4%), dal Belgio (+16,7%) e dalla Russia (+21,1%).
Spicca il risultato degli Stati Uniti (+40,4%), di Hong Kong ed Emirati Arabi Uniti (+37,7%) e della Cina (+12,4%) mentre in sensibile flessione sono risultate le esportazioni verso la Spagna (-16,1%) e il Portogallo (-21,1%).

“L’andamento dell’attività commerciale sui mercati esteri – ha affermato il Presidente di Confindustria Marche Nando Ottavi – rappresenta un segnale positivo in un contesto congiunturale ancora estremamente complesso.
Siamo più che mai convinti - e nei giorni scorsi proprio su questo tema ci siamo confrontati con il Presidente Spacca, con il quale abbiamo condiviso la necessità di lavorare in stretta sinergia e le priorità strategiche d’azione - che l’internazionalizzazione sia fondamentale per superare questa difficilissima fase di crisi mondiale.
Dobbiamo continuare a sostenere con forza i processi di innovazione e internazionalizzazione delle nostre imprese – ha proseguito Ottavi – per puntare alla crescita del sistema Marche”.
 

  •  

Segui i nostri feed RSS:

Contatti

Confindustria Marche

Via Filonzi, 11 - 60131 ANCONA
Tel 071.2855111 Fax 071.2855120
Codice fiscale 80002450429
info@confindustria.marche.it
posta certificata

 

© Copyright 2019 Confindustria Marche - Credits - Privacy - Cookie policy