Il presidente di Confindustria Marche Claudio Schiavoni chiarisce i motivi sulla mancata firma del protocollo regionale in tema di sicurezza su lavoro

17/05/2020


“Sconcertante e incomprensibile: così è stato definito il nostro atteggiamento sia dalla Regione che dai sindacati, quando invece è un atteggiamento che si basa solo ed esclusivamente sul buon senso e su presupposti estremamente semplici e comprensibili a tutti” così Claudio Schiavoni, presidente di Confindustria Marche e di Confindustria Marche Nord.

Noi siamo stati i primi a proporre un tavolo fra le parti datoriali e sindacali insieme alla Regione per affrontare l’emergenza con il preciso intento di lavorare insieme: e per tutta risposta la Regione ci ha proposto un Protocollo senza nemmeno ascoltare nel merito le nostri ragioni. E’ chiaro che non lo abbiamo firmato: la firma di un protocollo è un atto volontario, non obbligatorio. Dunque perché sono sconcertati?

Il metodo è inaccettabile: è la prima volta che si firma un accordo senza di noi, ma non è questo il punto. Riteniamo quantomeno doveroso, per il rispetto dei ruoli reciproci, che il nostro parere venga almeno ascoltato prima di procedere ad una firma. Da sempre abbiamo un atteggiamento collaborativo e di ascolto verso tutti: dopo un primo contatto, ci dispiace che in questa occasione stiamo ancora aspettando un confronto nel merito con il Presidente Ceriscioli, che non ha ritenuto opportuno incontrarci.

E ci stupisce anche la soddisfazione per aver firmato un protocollo con “il 95% delle imprese marchigiane”. Anche se numericamente il dato può essere corretto, forse il Presidente Ceriscioli dimentica che le Marche sono il cuore manifatturiero del nostro Paese: l’industria rappresenta un quarto della ricchezza prodotta nella Regione. Ma non basta: le Marche sono la prima regione d’Italia per peso degli occupati nell’industria manifatturiera sul totale dell’economia, pari al 33,3%. Ecco perché la mancata firma da parte di Confindustria è grave e non deve essere sottovalutata”.

Ma torniamo al protocollo e ai motivi per cui non abbiamo firmato: sono molto semplici.

Primo motivo: perché un nuovo Protocollo? Le regole c’erano già, fin dal 14 marzo e da allora ci siamo impegnati a rispettarle, dando attuazione al protocollo nazionale, coinvolgendo le rappresentanze sindacali, laddove presenti, avendo come unico obiettivo quello di mettere in sicurezza le nostre aziende e di tutelare la salute dei lavoratori. Leggere sulla stampa che il lavoro riparte grazie al protocollo firmato oggi ci fa sorridere: le nostre aziende sono già ripartite e quelle che hanno potuto, nel rispetto delle norme, non si sono mai fermate applicando fin da subito tutte le regole sulla sicurezza e facendosi carico di tutti gli oneri organizzativi ed economici per applicare tali regole. Diverso è per coloro che riapriranno l’attitività dal 18 maggio, per i quali sono previsti linee guida o protocolli settoriali.

Secondo motivo: il protocollo è un documento aziendale restando in capo al datore di lavoro ogni responsabilità per il non corretto recepimento del protocollo nazionale. Ora si chiede di inserire i protocolli aziendali in un sito web della Regione, con serie perplessità sul rispetto della privacy e sulla possibilità che vengano diffusi.

Terzo motivo: Nella bozza di protocollo, vengono introdotti obbligatoriamente “tavoli di monitoraggio e verifica” in ogni territorio ed in ogni settore. Ricordiamo che l’art. 13 del Protocollo nazionale, pur prevedendo la costituzione di “comitati”, non li rende obbligatori e li ipotizza in via alternativa, o territoriali o settoriali ma soprattutto lascia alle parti firmatarie del Protocollo nazionale l’iniziativa di eventuali “comitati territoriali o settoriali”. Inoltre il Ministero dell’interno ha attribuito alle Prefetture un ruolo di coordinamento in tema di controllo e verifica. Ruolo che le Prefetture, dalle notizie che abbiamo anche dalle nostre associazioni provinciali, stanno già svolgendo anche avvalendosi del supporto degli altri soggesti previsti sempre dal Protocollo. Non si capisce dunque la necessità da parte della Regione di avocare a sé questo ruolo e di introdurre nuovi soggetti imputati alle verifiche.

Ultimo motivo: la logica che sta alla base del protocollo nazionale è una logica di prevenzione del rischio e di rafforzamento della sicurezza in azienda. Quello proposto dalla Regione segue invece una logica di controllo e ingerenza

Siamo amareggiati di dover ripetere ancora una volta che il nemico è fuori, non dentro. Questa non è una lotta tra capitale e lavoro. Le nostre aziende stanno cercando da anni di rimanere sul mercato e di continuare a dare lavoro in questa regione. Quando diciamo che siamo i primi ad avere a cuore la salute dei nostri collaboratori non usiamo frasi fatte, è quello che pensiamo e in cui profondamente crediamo.

 

 

Link

  • Emergenza Coronavirus
  •  

Segui i nostri feed RSS:

Contatti

Confindustria Marche

Via R. Bianchi snc - 60131 ANCONA
Tel 071.2855111 Fax 071.29048268 
Codice fiscale 80002450429
info@confindustria.marche.it
posta certificata

 

© Copyright 2020 Confindustria Marche - Credits - Privacy - Cookie policy