Schiavoni: La nuova legge sulla Class Action? “L’ennesimo strumento punitivo per le imprese”

28/09/2018

Dura presa di posizione del Presidente di Confindustria Marche in linea con il Presidente nazionale Vincenzo Boccia


Ancona, 28 settembre 2018 - “La proposta di Legge sulla Class Action, se dovesse passare in aula, sarebbe l’ennesima dimostrazione di accanimento contro le imprese” non usa mezze parole Claudio Schiavoni, Presidente di Confindustria Marche, che interviene sul probabile cambiamento delle norme sulla Class Action, dopo che la Commissione Giustizia della Camera ha dato il via al Progetto di legge della maggioranza. Il testo è atteso in aula per lunedì.

In Italia non siamo all’anno zero: dal 2010 è operativa la disciplina consumeristica che delinea un modello di class action idoneo a tutelare i diritti dei consumatori e, al contempo, a evitare comportamenti opportunistici a danno delle imprese. “Sul fronte europeo, la nostra class action costituisce una best practice, ma questa proposta di legge la vuole stravolgere” spiega Schiavoni allineandosi alla dura presa di posizione del Presidente Boccia, che già ieri ha manifestato grande preoccupazione per uno strumento “punitivo per le imprese e che presenta delle criticità molto chiare”.

Confindustria tutta è sulle barricate dopo aver attentamente valutato le novità che sarebbero introdotte, tra cui la retroattività delle nuove regole che espone le imprese a contenziosi per fatti accaduti anche 10 anni prima e la possibilità per i singoli di aderire all’azione anche dopo la sentenza di condanna, il che favorirebbe comportamenti opportunistici da parte di chi può stare a guardare e poi “salire sul carro” a seconda dell’esito.

“Ancora una volta prendiamo atto che siamo in un Paese che vede le aziende come un male necessario – tuona Schiavoni - e come l’unico capro espiatorio in caso di problemi: ben venga un meccanismo di tutela per chi subisce un danno da un’impresa, ci mancherebbe … ma mi sembra evidente che la scelta di imporre alle imprese il pagamento di un compenso "premiale" agli avvocati quando la causa va a buon fine assuma una valenza punitiva verso le imprese. Per non parlare del fatto che la class action diventerebbe utilizzabile per qualunque tipologia di danno, col rischio di aumentare indiscriminatamente il contenzioso”.

“Ci appelliamo a tutte le forze politiche che saranno chiamate lunedì a votare la proposta di legge affinché per una volta agiscano con buon senso e al contempo con responsabilità verso le imprese” ha concluso Schiavoni.

  •  

Segui i nostri feed RSS:

Contatti

Confindustria Marche

Via Filonzi, 11 - 60131 ANCONA
Tel 071.2855111 Fax 071.2855120
Codice fiscale 80002450429
info@confindustria.marche.it
posta certificata

 

© Copyright 2018 Confindustria Marche - Credits - Privacy - Cookie policy