Storia

Brevi cenni sulla storia di Confindustria Marche

Il 1° luglio 1970 nasce una delle prime organizzazioni regionali rappresentativa delle imprese manifatturiere e di servizi di Confindustria denominata Federazione Regionale degli Industriali Marchigiani, con le allora quattro Associazioni Industriali di Ancona, Ascoli Piceno, Macerata e Pesaro Urbino quali socie. Lo scopo è quello di occuparsi della trattazione, a livello regionale, dei problemi di interesse comune degli Industriali marchigiani, coordinando le iniziative delle Associazioni territoriali sia nei rapporti con la Regione e con le Amministrazioni locali, sia nei riguardi delle organizzazioni sindacali, nonché di poter contribuire all'efficienza dell’Organizzazione Confederale Nazionale, nata nel 1910, che all’epoca stava ristrutturandosi per poter raggiungere gli scopi sanciti nel nuovo Statuto.

Nata ad Ancona, con sede in Piazza della Repubblica, la Federazione Regionale degli Industriali Marchigiani nel 1980 si trasferisce in Corso Mazzini e vi rimane sino al 2003, anno in cui si trasferisce definitivamente in Via Filonzi n. 11, nella Zona Baraccola di Ancona.
Dal 1970 ad oggi Confindustria Marche è andata maggiormente strutturandosi, aumentando il numero di personale impiegato, aggiornando il proprio Statuto, incrementando la propria attività e modificando il proprio logo in adeguamento a quello di Confindustria Nazionale.
Confindustria, infatti, ritiene opportuno conferire all’Organizzazione un emblema tangibile di identità e la scelta cade, nel 1923, sull’immagine di un’aquila sovrastante una ruota dentata.

Con l’emblema dell’aquila, che sin dall’antichità esprime forza ed indipendenza, si vuole simboleggiare il ruolo propulsivo del sistema di fabbriche e l’orgoglio degli imprenditori protagonisti del decollo industriale. Con la ruota dentata, invece, si rappresenta l’attività lavorativa il cui simbolo, successivamente, viene utilizzato anche nell’emblema della Repubblica Italiana per raffigurare il principio del primo articolo della Costituzione, ovvero che “L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro”.

Negli corso degli anni il logo di Confindustria subisce qualche cambiamento fino ad arrivare a quello adottato nel 2003, tuttora vigente, che, pur rispettando la tradizione ormai affermata e riconoscibile del Sistema delle imprese, confermando l’indiscusso valore storico dell’emblema, vede un cambiamento della figura dell’aquila ora maggiormente stilizzata, più leggera e senza artigli.
L’ingranaggio della ruota resta sempre a simboleggiare il forte aggancio con l’economia, ma la dentatura attenua i tratti e si apre a rappresentare una sempre maggiore integrazione con i settori del mondo produttivo, con le nuove imprese e con il nuovo modo di fare impresa.

Il primo Presidente di Confindustria Marche è Roberto Bianchi, eletto nel 1973, Imprenditore di Ancona a cui la Confindustria Territoriale ha intitolato la via dell’attuale sede.

La lista dei Presidenti che hanno fatto la storia di Confindustria Marche fino ad arrivare ai giorni nostri è la seguente: 
 


Roberto Bianchi (AN) - 1973

Manfredi Massi (MC) - 1977

Vittorio Merloni (AN) - 1979

Sandro Crescentini (PU) - 1980
 
 
Giuseppe Guzzini (MC) – 1984

Luigi Fanini (AP) - 1988
 
Gennaro Pieralisi (AN) – 1990

Catervo Cangiotti (PU) - 1994
 
Adolfo Guzzini (MC) – 1998

Carlo Lucarelli (AP) – 2002
 
Maria Paola Merloni (AN) - 2004

Federico Vitali (FM) – 2006
 
Paolo Andreani (PU) - 2009

Nando Ottavi (MC) – 2012
 

 

  •  

Segui i nostri feed RSS:

Contatti

Confindustria Marche

Via Filonzi, 11 - 60131 ANCONA
Tel 071.2855111 Fax 071.2855120
Codice fiscale 80002450429
info@confindustria.marche.it
posta certificata

 

© Copyright 2017 Confindustria Marche - Credits - Privacy - Cookie policy